Dalla metà del 2003, la società di commercio all’ingrosso Johannes J. Matthies, situato ad Amburgo, ha completato la messa in rete della propria officina dimostrativa con lo standard asanetwork. Dall’analizzatore di gas di scarico all’erogatore di lubrificanti, tutti i dispositivi sono integrati nella rete. Ad esempio, tramite la stazione di diagnostica portatile di Bosch, dall’officina si può interrogare il magazzino ricambi ed effettuare sia l’identificazione del ricambio necessitato che eventualmente provvedere all’ordine online del ricambio stesso.

Come software DMS di rete abilitato,  Matthies offre Henry oppure  Henry jr. così come la versione online.

L’officina dimostrativa serve anche come centro di formazione dove la pratica può essere dimostrata in modalità diretta e su dispositivi diversi. Ma l’azienda Matthies non esercita solo sul modello di officina dimostrativa, ma aggiorna officine di clienti rendendole, tramite la messa in rete, in “officina ad lata marginalità economica”.  Solo ottimizzando i processi di lavorazione l’officina può oggi incrementare la marginalità economica, sul lato acquisti i prezzi orami sono trasparenti e non consentono ulteriori pratiche di risparmio, mentre sul versante della vendita la concorrenza diventa sempre più agguerrita.

Ciò è stato riconosciuto ad Amburgo anche dall’officina Jahnke che ha ristrutturato l’officina mettendola in rete con l’ausilio wifi. Questa ristrutturazione e ottimizzazione dei processi d’officina, ha ulteriormente motivato i dipendenti e creato un alto livello di trasparenza e soddisfazione verso la clientela. Allo stesso tempo la riorganizzazione dei processi e flussi operativi consente oggi all’officina Jahnke di disporre di maggior tempo da dedicare alla clientela.